TRADUguide

TRADUguide - Das Portal für Übersetzer, Übersetzungsagenturen und ihre Kunden

Für Übersetzer

Liste der Anfragen an Übersetzer und Dolmetscher  |   Agenturliste
Als Übersetzer / Agentur Mitglied werden  |   Mein Profil  |   Mein Status
Premium-Mitglied werden  |   Premium-Mitgliedschaft verlängern

Für Auftraggeber

Preisangebote für Übersetzungen anfordern
Im Verzeichnis der Übersetzer suchen
Anmelden / Meine Anfragen

Start  |   So funktioniert TRADUguide  |   Weiterempfehlen

TRADUguide.com in English  |   Kontakt / Impressum

Vorherige Italienisch > Englisch Anfrage >>

 

Vorherige Englisch > Italienisch Anfrage >>

 

Konkrete Anfrage nach einer Übersetzung an freiberufliche Übersetzer / Übersetzungsagenturen

Italiano > Inglese (UK): Un romanzo fantasy di ambientazione vittoriana, 388.000 battute spazi inclusi circa

Si tratta di un romanzo fantasy di ambientazione vittoriana.
La lunghezza totale è di 388.000 battute spazi inclusi circa. Vorrei valutare sia il costo totale della traduzione sia la traduzione di una porzione di 40.000 battute spazi inclusi circa.
Non ho una scadenza particolare o vincolante, potrebbero essere 3 mesi per il romanzo totale o 3 settimane per la porzione.
La lingua di destinazione è inglese UK (non americano).

Esempio di testo:
Entrare nella sede dell’Evening Star per uscirne il prima possibile.
Jonathan Sanders giunse alla redazione del giornale dove lavorava con questo proposito pratico che, tuttavia, in realtà nascondeva un sentimento molto poco signorile, di cui un po’ si vergognava: c’era qualcuno che voleva evitare di incontrare, quella mattina ma non solo.
«Buongiorno, signor Cumberland, avete qualcosa per me?» domandò impaziente il giovane giornalista.
Si tolse la bombetta e, come d’abitudine, la fece scivolare sull’appendiabiti accanto alla porta, poi si sfilò velocemente il cappotto, che fece la stessa fine. Nonostante avesse fretta, non voleva apparire maleducato e mettere da parte le buone maniere che gli aveva insegnato sua madre Mary, come quella di levare il cappello e il soprabito quando faceva il suo ingresso in una casa o in un ufficio.
Il locale in cui Jonathan era appena arrivato era alto e stretto, con le pareti ricoperte da una sbiadita carta da parati con motivi geometrici. Lo spazio era dominato dalla presenza di un imponente bancone in legno in piuma di mogano che invitava a decidere subito se avventurarsi fra i rumori della stamperia e seguire il piccolo corridoio che si scorgeva davanti alla reception sulla destra, oppure se proseguire verso l’austera porta che si intravedeva sul fondo e che portava verso la zona degli uffici.
Quello, a differenza del resto d’Inghilterra e del mondo governato dalla Regina Vittoria, era il regno di Thomas Cumberland: il segretario coordinava il lavoro tra la redazione e la tipografia adiacente e ormai era così abituato a essere interrotto di continuo che andò avanti a timbrare delle buste, come se nulla fosse, e non diede alcun segno di aver visto il giornalista o di averlo sentito.
Jonathan si appoggiò con i gomiti al bancone e controllò se Cumberland, nella sua grafia ordinata, avesse lasciato lì sopra qualche annotazione per lui.
Si mise a tamburellare le dita sul ripiano e incalzò: «Qualche riunione fissata? Qualche messaggio? Qualche emergenza su cui scrivere un pezzo? Dovrei uscire per un articolo che devo preparare per le pagine culturali, ma prima di andare via vorrei essere sicuro che non ci siano delle urgenze o che non sia arrivato un biglietto per rimandare l’appuntamento».
Capitava così di frequente che i suoi piani venissero modificati da altri che Jonathan ormai era rassegnato al cambiamento: ma non per questo voleva esserne travolto e perdere del tempo, perché era stancante muoversi a piedi nella grande città.
Thomas Cumberland proseguì con ciò che stava facendo. Un minuto dopo, quando ebbe terminato, sistemò la pila della corrispondenza e finalmente rispose: «No, signor Sanders, non ho messaggi per voi. E né il direttore Bullough, né Perry, né altri, mi hanno detto nulla da riferirvi».
«Grazie, signor Cumberland. Sarò di ritorno qui attorno a mezzogiorno, credo». Jonathan non era mai sicuro che il segretario di redazione lo ascoltasse quando gli rivolgeva la parola, ma aveva fatto il proprio dovere passando a controllare. Ora era libero.
Al volo riprese la bombetta e il cappotto che poco prima aveva appeso all’attaccapanni e, dopo esserseli infilati di nuovo, uscì dall’edificio, così da non imbattersi in Jacob Perry e non essere costretto a parlare con lui.

Sprachrichtung(en)

Italienisch > Englisch

Fachgebiet

Kunst / Unterhaltung

Über den Auftraggeber

Die Angaben zum Auftraggeber stehen nicht mehr zur Verfügung, da die Anfrage bereits geschlossen ist.

Die Abgabe eines Angebots ist leider nicht mehr möglich, da die Anfrage bereits geschlossen ist.